The Dogs Day Are Over

“I danzatori sono noti per la ricerca della perfezione” dice Martens, “Questo pezzo è costruito su ritmi estremamente complessi e li spinge al limite, alla ricerca dell’errore.
Ma “The Dog Days Are Over” è anche un viaggio che i danzatori fanno con il pubblico: una sfida a superare la noia e cercare il divertimento fuori dalla logica dell’intrattenimento”.

L’homme jetable.

Stagisti, precari. Contratti a tempo determinato. Flessibilità. Licenziamenti. Disoccupati “in fin di diritti”, persone in fin di vita. Tutti questi termini dicono a quale punto, in fondo, si ha ben poco bisogno di noi. Quale sorte ci attende?

Mount Olympus. Cosa viene dopo la tragedia?

Jan Fabre con “Mount Olympus” sembra dire che sappiamo ben poco sulla tragedia greca. Le questioni della tragedia, del teatro, della politica e di tutto ciò viene confusamente detto “etico” sono accomunate dal fatto di condurre tutte verso un luogo deserto, un luogo che che Jean-Luc Nacy chiama “religione civile”, che diventato impossibile occupare. E forse ciò che c’è in gioco in “Mount Olympus” è proprio cercare di sperimentare l’essenza di questo inconoscibile e di questo inimmaginabile. Proprio per questo “Mount Olympus” non può essere un’attualizzazione della tragedia greca, ma un laboratorio in cui Fabre indaga l’irrappresentabilità di ciò che ci lacera e ci purifica, ancora oggi.

Il non-Edipo.

“Oggi il più grande poeta francese vivente è un romeno. […] Ghérasim Luca è un grande poeta fra i più grandi: ha inventato un balbettamento prodigioso, il suo. Gli è capitato di fare delle letture pubbliche dei suoi poemi: duecento persone, e tuttavia bisogna considerarlo un evento, è un evento che passerà attraverso questi duecento senza far parte di nessuna scuola o movimento. Le cose non capitano mai là dove ci si aspetta, né attraverso i percorsi previsti”.

Gilles Deleuze

887.

Robert Lepage può essere interpretato in modi diversi: raffinato sperimentatore della scena d’avanguardia, o grande creatore di fantasie pop, un inventore, col teatro e il cinema, di storie che si seguono con la stessa passione di un serial televisivo. Chi li ha visti si ricorda dell’immenso potenziale di intelligenza, immaginazione e racconto dei suoi spettacoli, ogni volta veri eventi. “887”, dall’indirizzo della via in cui Lepage ha vissuto con la famiglia in Québec (Rue Murray 887), è un tuffo nella memoria personale, intima e insieme collettiva.

Qui.

Nel 1989 e su “Raw v. 2” #1, storica rivista statunitense curata da Art Spiegelman e Françoise Mouly, appare una breve storia in bianco e nero intitolata semplicemente “Here”. In sole 36 vignette, Richard McGuire scardina completamente la tradizionale narrazione lineare costruendo su uno sfondo spaziale fisso, una stanza, finestre temporali parallele, collegate tra loro. Tutta la storia è ambientata in una sola stanza, un unico ambiente, una capsula temporale che da al lettore la possibilità di avere una vista multidimensionale sullo scorrere del tempo riquadro dopo riquadro.

Screening Sex.

Nel corso della storia, ogni società è esistita spostando e ridefinendo i confini della sessualità, di ciò che viene consentito e di ciò che viene considerato come perversione.
Linda Williams , insegnante di Film, Media e Retorica presso la University of California a Berkeley, è un pioniere nell’invenzione di un pensiero e un discorso complesso sulla pornografia. I suoi primi testi, “Hard Core: Power, Pleasure, and the “Frenzy of the Visible”” (University of California Press 1989) e “Porn Studies” (Duke University Press, 2004) e il più recente “Screening Sex” (Duke University Press Books 2008) – un testo fondamentale per capire la storia della rappresentazione della sessualità nel cinema americano – sono un affascinante laboratorio denso di domande, politiche, sociali e soprattutto estetiche. La principale rivoluzione simbolica di “Screening Sex” può essere sintetizzata con: la storia del cinema porno è soprattutto una storia di democratizzazione della pornografia.